Se quest’anno il Torino e la quarta squadra con meno gol subiti in Serie A (dietro a Juventus, Inter e Napoli) lo deve soprattutto a una difesa granitica comandata da Gleison Bremer. Il centrale brasiliano arrivato a Torino nel luglio 2018, dopo una stagione di rodaggio, è entrato costantemente nell’undici titolare dallo scorso anno e non l’ha più abbandonato, arrivando a indossare la fascia di capitano con l’assenza del “Gallo” Belotti. In questo campionato il suo valore ha raggiunto un livello altissimo con delle prestazioni, come quelle contro Fiorentina e Juventus in cui ha annullato Vlahovic, che attualmente lo posizionano al primo posto della classifica di rendimento tra i difensori della serie A. Nonostante il rinnovo di contratto (siglato semplicemente per permettere al Torino di ricavare una maggiore cifra dalla sua cessione) a giugno partirà per una big, ma attenzione che Cairo non fa sconti e chiederà non meno di 35-40 milioni. In Italia il maggior interesse arriva da Milan (come alternativa a Botman) e Juventus (alla ricerca di giocatori per svecchiare il reparto difensivo), ma anche Napoli e Inter rimangono sull’attenti in caso il prezzo si abbassasse leggermente. All’estero, invece, la richiesta più insistente arriva da Monaco, dove il Bayern è alla ricerca del sostituto di Niklas Sule, e Bremer sembra proprio il profilo adatto per completare la difesa bavarese.